FALSI MITI DELLA CHIRURGIA ESTETICA – dentrocasa, marzo 2015

Di seguito analizziamo una serie di luoghi comuni in tema di medicina e chirurgia estetica
1 Le labbra rifatte si vedono. Non è sempre vero. Alcune labbra rifatte si vedono ma nella quasi totalità dei casi i risultati sono estremamente naturali. Ciò che appare evidentemente artefatto è frutto di una esagerazione ed è ben visibile a tutti ma i lavori più naturali ed armonici non si palesano agli altri. La diffusione di filler biocompatibili rispetto agli antenati permanenti di prima generazione hanno contribuito alla diffusione di ritocchini soft.
2 Il seno rifatto è freddo. Non è vero. Qualsiasi protesi corporea assume la temperatura del corpo stesso. Sarebbe come sostenere che il paziente con protesi d’anca ha una gamba più fredda. È ammissibile che nei casi estremi in cui la paziente ha una mammella piccolissima e decide per un impianto di volume importante e questo è posizionato in un piano più superficiale rispetto a quello muscolare allora potrebbe verificarsi una minima riduzione di temperatura ma si tratta di casi limite. Quando il buon senso si accompagna ad una tecnica adeguata il risultato è del tutto naturale.
3 La liposuzione è pericolosa. Se fosse vero nessuno si sottoporrebbe ad un intervento voluto e non necessario se avesse un tasso di mortalità alto. Di fatto nel nostro paese ogni anno si eseguono più di centomila liposuzioni ed i casi sfortunati si contano con una mano. Si tratta di una procedura standardizzata che in mani adeguate garantisce la massima sicurezza.
4 Le donne rifatte sono tutte uguali. Come sempre l’eccesso porta ad una standardizzazione non armonica delle forme ma un buon intervento ripristina dei caratteri di armonia e bellezza che il tempo ha sbiadito oppure che la natura non ha fornito. Quando possibile la strategia preoperatoria concordata tra paziente e chirurgo dovrebbe rispettare i caratteri anatomici individuali senza produrre grossolane alterazioni della morfologia.
5 Chi inizia non smette più. Non risulta che la chirurgia estetica produca assuefazione. È generalmente vero che la persona che ha maggiore attenzione di sé anche da un punto di vista estetico tende ad averne sempre cura nel tempo.