LA PANCIA – dentrocasa, novembre 2012

La richiesta di un addome scolpito rimane tra le più frequenti rivolte al chirurgo plastico. Questo desiderio non è sempre esaudibile in quanto la pancia perfetta dipende da molteplici aspetti.
La costituzione anatomica non agevola il maschio e la donna con habitus androide in quanto la distribuzione corporea del grasso è prevalentemente addominale.
La liposuzione è efficace nel paziente che presenta delle adiposità localizzate anteriori e dei fianchi e desidera un rimodellamento della propria silhouette oppure nel paziente con fisico atletico che vuole rendere più evidenti le masse muscolari sottostanti attraverso un ulteriore assottigliamento della plica adiposa.
Un altro elemento fondamentale dell’estetica addominale è la parete muscolare infatti un potenziamento del tono muscolare può garantire un ottimo contenimento dei visceri addominali e conferire quell’aspetto di ventre piatto così ambito. Il chirurgo può contribuire al recupero anatomico dell’integrità muscolare quando i muscoli retti hanno perso la loro collocazione fisiologica ma nella quasi totalità dei casi è l’esercizio fisico che produce i migliori risultati.
Un discorso a parte merita la qualità della pelle. Nei soggetti con cute laxa si può optare per un ciclo di radiofrequenza che contribuisce modestamente al miglioramento del turgore cutaneo lavorando sulla compattezza delle fibre di collagene ma nei pazienti con franco eccesso cutaneo si ricorre agli interventi di plastica dell’addome. La mini addominoplastica prevede una cicatrice sovrapubica e la rimozione parziale di cute al fine di creare una adeguata tensione nella porzione compresa tra pube e addome. L’addominoplastica completa ridisegna il tessuto cutaneo di tutta la pancia attraverso una incisione più estesa e alla ricostruzione, quando necessaria, della parete muscolare.
E’ evidente come dieta ipocalorica, attività fisica, liposuzione e addominoplastica svolgano ruoli differenti e solo parzialmente sovrapponibili. Semplificando è possibile dire che un regime alimentare controllato permette un calo ponderale e una riduzione volumetrica del tessuto adiposo, la lipoaspirazione ridisegna la silhouette corporea lavorando selettivamente sulle adiposità, l’attività fisica aumenta il tono della massa muscolare e permette un aumento del metabolismo corporeo e l’addominoplastica elimina gli eccessi cutanei.